LA 35a GIORNATA 2017-18 DEL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO DI SERIE A

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Come un elastico questo campionato di serie A, la cui 35a giornata 2017-18 sembra (e alla luce di quanto già accaduto, sottolineamo il termine sembra) aver chiuso molti deifronti aperti dai due turni precedenti!
Non senza polemiche, la Juventus passa a Milano, mentre il Napoli crolla a Firenze. La sconfitta casalinga dell’Inter permette alle romane di avvantaggiarsi sensibilmente nella corsa al terzo e quarto posto Champion’s.
Rimangono completamente aperti il fronte della corsa all’Europa League e alla salvezza, dove appaiono in netto calo le azioni delle due formazioni di Verona.





LA SITUAZIONE DELLA SERIE A

35a Giornata 2017-18: ANCORA JUVE IN FUGA, MA QUANTE POLEMICHE!

Un turno di campionato da vivere nell’arco di 30 ore, con i momenti di maggiore tensione emotiva al sabato sera e all’ora di cena della domenica. Nell’anticipo la Juventus capolista andava a far visita all’Inter, impegnata nella corsa per un posto champion’s league. Una classicisssima ricca di significati, tanto che San Siro presentava il tutto esaurito, con relativo record d’incasso. Fin dai primi minuti il destino del match pareva segnato: Inter in 10 uomini dopo un quarto d’ora per l’espulsione di Vecino e Juventus in goal. Gli uomini di Allegri recriminavano anche per l’annullamento di una rete apparentemente valida e per la mancata concessione di un calcio di rigore. Nella ripresa i bianconeri intendevano amministrare il vantaggio, ma i padroni di casa si dimostravano particolarmente volitivi, raggiungendo il pareggio con Capitan Icardi. A questo punto uscivano allo scoperto tutte le paure della Juventus,incapace di capitalizzare l’uomo in più a disposizione. Rischiano i campioni d’Italia in carica: al 62′ il loro regista Pjanic, già ammonito, compie un’entrata al limite del regolamento. Il secondo giallo e la conseguente espulsione ppare cosa fatta, ma dopo qualche istante npassato dal direttore di gara col cartellino in mano, la decisione a molti incomprensibile: il bosniaco rimane sul terreno di gioco. L’Inter, comunque trova la rete del vantaggio. La Juventus sbanda clamorosamente, ma si riorganizza, iniziando a premere contro una squadra con un paio di elementi in grande difficoltà fisica. Si giunge così ai minuti finali, quando il tecnico interista Spalletti sostituisce Capitan Icardi, mai così partecipe alla fase di sacrificio, per inserire forze fresche, lasciando in campo un Perisic praticamente fermo. Impossibile per i nerazzurri ripartire e la prodezza che permette a Quadrado, complice una deviazione galeotta, d’impattare il punteggio, pare una conseguenza logica. Ora l’Inter è frastornata e Higuain, per altro in serata storta, realizza quello che sarà il gol decisivo e la chiave di un mare di polemiche attorno all’arbitraggio.
La mancata espulsione di Pjianic diventa il mantra della 35a giornata 2017-18, mentre il Napoli, nella partita delle 18 della domenica di Firenze, crolla fragorosamente, lanciando i bianco-neri in fuga!

35a Giornata 2017-18: LE ROMANE VERSO LA CHAMPIONS’

Della sconfitta interista nel “derby d’Italia” ne godono particolarmente le due formazioni romane, appaiate al terzo posto a quota 70. I giallo-rossi hanno aperto la giornata strapazzando il Chievo! Bravi gli uomini allenati da Eusebio Di Francesco a rimanere concentrati, nonostante l’imminente semifinale di ritorno contro il Liverpool, dove occorre un’altra serata “monster” per coronare il sogno di recarsi a Kiev per disputare un’incredibile (per i colori romanisti) finalissima.
La 35a giornata 2017-18 del campionato italiano di calcio di serie A è stata chiusa dalla Lazio, corsara a Torino. Gli uomini allenati da Simone Inzaghi, autentica macchina da goal stagionale, vedono avvicinarsi il traguardo, ma rimangono in ansia per le condizioni fisiche del loro cannoniere Ciro Immobile, uscito gravemente infortunato dal terreno di gioco granata.

35a Giornata 2017-18: EUROPA LEAGUE E SALVEZZA ANCORA IN BILICO!

Se la questione scudetto e Champion’s League 2018-19 paiono ben indirizzate, non altrettanto si può sostenere per quel che riguarda la qualificazione alla prossima Europa League e la permanenza in serie A. Battendo il Genoa, l’unica squadra oltre il Benevento a non aver nulla da chiedere a questa stagione, l’Atalanta compie un passo decisivo per avere la certezza di confrontarsi in Europa. Ora rimane da stabilire se gli orobici partiranno dalle qualificazioni, o riusciranno a tenersi stretto il sesto posto utile per accedere direttamente alla fase a gironi. Dietro torna a “ruggire il Milan”, vittorioso a Bologna, incalzato dalla brillantissima Fiorentina e dalla Sampdoria,tornata al successo contro il Cagliari, ora completamente impelagato nella lotta per non retrocedere.
Qui si è aperta una terribile bagarre per evitare gli altri due posti retrocessione. _Uno di questi, però. sembra già assegnato all’Hellas Verona. Gli uomini allenati da Fabio Pecchia sono crollati in casa contro la Spal; una vittoria avrebbe consentito loro di rientrare in corsa, mentre ora si trovano con 7 punti da recuperare in tre giornate, con in vista le trasferte di Milano e Torino. Nessuno ride sotto il “Balcone di Giulietta”, però! L’altra squadra di Verona, il Chievo, si trova al terz’ultimo posto. Il calendario riserva ai clivensidue partitee interne alla portata, come lo scontro diretto col Crotone e il match contro il Benevento, unitamente ad un altro match-salvezza sul terreno dell’Udinese. Il quart’ultimo posto dista solo un punto, ma la squadra del presidente Campedelli pare incapace di trovare dentro di sè le risorse necessarie per compiere lo scatto utile a proseguire un rapporto con la massima divisione divenuto ormai decennale!
In caso di reazione dei “ragazzi della diga”, a rischiare particolarmente sarebbe il Cagliari, costretto ad affrontare in successione tre grandi, tutte a caccia di punti necessari per il raggiungimento dei rispettivi obbiettivi. Insomma: mai come quest’anno la Serie A è stata tanto combattuta!

LASCIA UN Commento