LA 12a GIORNATA DEL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO DI SERIE A 2016-17

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

JUVENTUS, ROMA E MILAN ALLUNGANO in una domenica in cui la parola attesa, dentro e fuori il mondo del calcio, sembra rappresentare il life-motiv, dato che, a meno di clamorose sorprese, la serie A sembra già aver designato la sua regina, sempre più monarca assoluta!





In una giornata di campionato in cui Napoli ospitava la partita tecnicamente più interessante, giunta dopo il turno in chiaro-scuro delle nostre rappresentanti di coppa (due pareggi in Campion’s League), è stata l’attesa a farla da padrona, non solo per fatti legati al dorato mondo del “Dio Pallone”! Si è scesi in campo alla vigilia delle nuove elezioni del Presidente USA, figura centrale per l’intero mondo occidentale, Italia in primis ed il dover assistere all’altrui scelta del “meno peggio” ha creato quanto meno un velo d’inquietudine in tutti noi.
Certamente meno determinante per le sorti dell’umanità, ma senz’altro per quelle di una tifoseria, era la decisione, pure questa attesa, riguardante il nuovo allenatore dell’Inter. Dopo la sconfitta di Genova, la società ner’azzurra decideva di chiudere il rapporto con l’olandese Frank De Boer, che ricorderemo soprattutto per il suo ideoma comprensibile solo a sè stesso (come la sua idea digioco), imbastendo una sorta di casting per scegliere chi dovrebbe condurre fuori dalla crisi una squadra costruita per ambire a grandi traguardi. Nel frattempo la Juventus, non senza fatica, passava a Verona, imitata nel risultato e nella sofferenza dal Milan, corsaro a Palermo e secondo fino a quando, in serata, la Roma strapazzava il Bologna grazie ad una tripletta dell’egiziano Salah. Nel frattempo tornava al successo pure la formazione ner’azzurra, trovando i goals negli ultimi dieci minuti di un’incontro assai ostico contro la matricola Crotone, accogliendo con un po’ di serenità in più il nuovo tecnico Stefano Pioli, giunto a Milano mentre negli Stati Uniti si stava compiendo il destino della nuova presidenza!
Ora la Serie A è nuovamente ferma: la nazionale di Gian Piero Ventura è chiamata a proseguire la corsa verso Russia 2018 passando per l’impegno in Liechtenstein, partita senza storia, almeno sulla carta, da affrontare con volti nuovi, anche causa infortuni!

LASCIA UN Commento