LA 5a E LA 6a GIORNATA DEL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 2016-17

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

È ancora duello Juventus-Napoli! Questo il verdetto emesso dalla 5a e

dalla 6a giornata del campionato italiano di calcio 2016-17, disputate a stretto giro, con

i bianconeri tornati prepotentemente al comando dopo la sconfitta in casa dell’Inter,

seguiti ad un solo punto di distacco dal Napoli, unica formazione di serie A ancora

imbattuta.
Dietro torna a balbettare l’Inter, mentre la Roma crolla in casa del Torino, allontanandosi

pericolosamente dalla testa della classifica e rischiando di compromettere l’intera

stagione prima ancora che la stessa entri nel vivo.





“Tutto questo alla vigilia del primo turno infrasettimanale, dove tutte le certezze potrebbero già venir meno!” sono le righe di chiusure del numero precedente di questa rubrica, dedicata alla 4a giornata 2016-17. Evidentemente eravamo stati profetici: la Juventus ha reagito prontamente allo scivolone di Milano con un perentorio 4 a 0 sul Cagliari, formazione costruita per conseguire una comoda salvezza, seguita dal successo di Palermo, non brillante in verità, ma sempre utile per mantenere il vantaggio sul Napoli, reduce a sua volta dal contestato pari di Genova e da una tranquilla vittoria interna col Chievo, spesso autentica bestia nera dei bianc’azzurri campani.
Ancora una volta le due formazioni sembrano le uniche in grado di contendersi lo scudetto, stante l’incapacità delle altre di mantenere la necessaria continuità di risultati. Dopo il successo di Empoli, l’Inter si fa imporre il pari interno dal Bologna, mentre la Roma torna dal campo del Torino con un pesantissimo 3 a 1, pronto a riaprire violentissime polemiche interne, innescate dalle dichiarazioni (per certi aspetti sconcertanti) rilasciate nel dopopartita dal tecnico Luciano Spalletti, in cui accusa i suoi giocatori di mancanza d’umiltà, tanto per riportare la più gentile! E dire che per i colori giallo-rossi dovrebbe essere un momento di festa ed unione attorno a Capitan Totti, quarant’anni e classe da vendere, soprattutto nello smorzare “l’incendio mediatico” innescato dalle dichiarazioni della sua Ilary, nelle quali, ricordando la cacciata del marito dal ritiro di Trigoria, ha delineato uno Spalletti sucube della personalità del Capitano, da un quarto di secolo immagine e bandiera della Roma!
Per quanto inopportuna, probabilmente la bella presentatrice ha colto nel segno!

LASCIA UN Commento