Le partite del 25 giugno: POLONIA, GALLES E PORTOGALLO PROMOSSE SENZA LODE!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

SVIZZERA – POLONIA 5-6 d.c.r.

39′ Blaczczykowsky, 82′ Shakiri (SR)

GALLES – IRLANDA DEL NORD 1-0

75′ aut. McHauley
CROAZIA – PORTOGALLO 0-1 d.t.s.

117′ Quaresma

Inizio sottotono della fase ad eliminazione diretta della XV edizione del Campionato Europeo per nazioni!
Nel primo pomeriggio Polonia e Svizzera danno vita ad una partita combattuta ed equilibrata, nobilitata dallo splendido gol di Shakiri, che spedisce tutti ai supplementari e alla successiva serie di calci di rigore risolta dagli eredi di Lato e Szarmak, che hanno la concreta possibilità di ritornare tra i grandi del calcio, rinverdendo i fasti di un tempo non troppo lontano.
La lunga giornata calcistica prosegue col derby britannico tra Galles ed Irlanda del Nord, contrariamente alle attese, la partita più brutta dell’intera manifestazione, risolta da un’autorete che punisce l’atteggiamento ultra-difensivista degli uomini in maglia verde.

Salutato l’approdo di Garret Bale e compagni tra gli otto grandi d’Europa, ci si accinge a seguire quella che, secondo molti, potrebbe essere una delle partite più spettacolari di questo turno eliminatorio: i talenti croati sfidano il Portogallo del ritrovato Cristiano Ronaldo. In realtà gli ex jugoslavi giocano col freno a mano tirato, CR7 ritorna nel limbo in cui ha giaciuto nelle prime due partite; risultato? Gara noiosa ravvivata di quando in quando da qualche sussulto. Il momento chiave il minuto 116, quando l’ala croata Ivan Perisic, finora una delle stelle di questo europeo, colpisce il palo della rete portoghese. Sulla ripartenza i lusitani sorprendono la retroguardia avversaria ma Cristiano Ronaldo, anziché servire il compagno libero, cerca vana gloria personale, trovando l’opposizione dell’estremo difensore Subazic, la cui respinta è intercettata da Ricardo Quaresma, autentico bidone ai tempi dell’Inter di Mourinho, il quale spezza i sogni di gloria dei giovani croati, portando i lusitani tra le otto grandi del continente, nonostante un girone di qualificazione senza vittorie ed un ottavo di finale raffazzonato!

LASCIA UN Commento