LA 33a E LA 34a GIORNATA DEL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 2015-16: GAME OVER

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

GAME OVER per il massimo traguardo in palio nel calcio italiano dopo la 33a e la 34a giornata del campionato 2015-16! Il doppio successo interno contro Palermo e Lazio permette alla Juventus di volare a + 9 sul Napoli, sconfitto a Milano dalla più bella Inter della stagione, e di ipotecare la conquista del suo quinto scudetto consecutivo. Rimane aperta la corsa al secondo posto, soprattutto in caso di successo della Roma nello scontro diretto col Napoli, il quale, tuttavia potrà contare sul rientro del bomber Higuain. Sullo sfondo di queste due decisive giornate troviamo il violentissimo litigio tra il Capitano della Roma Francesco Totti ed il tecnico Luciano spalletti.





Fin dal prologo del sabato, quando il Napoli cadeva fragorosamente sul terreno di un’Inter mai così bella in tutta la stagione, si è compreso che il campionato italiano di calcio 2015-16è arrivato al momento dei verdetti inappellabili. Una Juventus spietata e concentrata approfittava in pieno del passo falso delgi uomini di Maurizio Sarri, rifilando un secco 4 a 0 al Palermo dell’ennesimo nuovo corso stagionale, portando il proprio vantaggio in classifica a nove punti, mentre i siciliani precipitavano in piena zona retrocessione. La festa era tuttavia rovinata dal gravissimo infortunio occorso al centrocampista Claudio Marchisio, gravissima perdita anche per la nazionale azzurra, privata di uno degli uomini più carismatici a disposizione di Antonio Conte. Mentre si cercavano notizie da Torino riguardanti le effettive condizioni del giocatore, a Bergamo scoppiava il caso Totti. Il giocatore, entrato a pochi minuti dal termine, salvava la sua squadra da un’inopinata sconfitta, che sarebbe arrivata dopo essere stata in vantaggio per 2 a 0. Il tecnico toscano, visibilmente contrariato, sminuiva il gran gol del suo “Capitano”, il quale non poteva certo prendere bene l’ennesimo affronto stagionale. Di lì è stato tutto un rincorrersi di voci ed illazioni su frasi dette o non dette; sta di fatto che il rapporto tra i due sembra irrimediabilmente compromesso!
Trascorrono poco più di 48 ore ed il Napoli inizia la 34a giornata schiantando il Bologna di Roberto Donadoni, l’unica ad aver strappato un punto alla Juventus in questo girone di ritorno. I bianconeri, però, mantengono la concentrazione e con un perentorio 3 a 0 mantengono immutato il proprio vantaggio, mettendo praticamente fine sulla questione scudetto, per la cui assegnazione manca solo la matematica.
La ribalta spetta ancora alla Roma e al suo Capitano Totti. Contro il Torino, in casa, i giallorossi soffrono terribilmente: le tossine di Bergamo, evidentemente, hanno lasciato il segno e la squadra di Gian Piero Ventura, con la mente sgombra da incombenze di classifica, nel bene e nel male, si portava in vantaggio per ben due volte. A quattro minuti dal termine Totti veniva mandato in campo: dieci secondi per entrare su una palla e far esplodere di gioia l’Olimpico, che poi andava letteralmente in visibilio quando lo stesso trasformava il rigore del 3 a 2, regalando ai suoi la quasi certezza del terzo posto utile per i preliminari di Champion’s League. L’Inter, infatti, non ha dato seguito alla bella prova di sabato sera, andando a perdere sul terreno del Genoa, ormai ad un passo dalla salvezza, così come l’Udinese vittoriosa sulla Fiorentina.
Proprio in chiave retrocessione, il destino si è praticamente compiuto per l’Hellas Verona, reduce da una doppia sconfitta contro Frosinone ed Empoli, mentre Palermo, carpi e proprio la squadra ciociara, uscita per altro da una pesante batosta sul campo del Chievo (questo con teoriche possibilità di qualificazione in Europa League), sembrano destinate a disputarsi l’ultimo posto buono per la permanenza nella serie A 2016-17.

LASCIA UN Commento