LA 19a GIORNATA DEL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 2015-16: NAPOLI CAMPIONE D’INVERNO!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Napoli Campione d’Inverno al fotofinish, mentre la Juventus, vittoriosa sul terreno della Sampdoria, è nuovamente in corsa per la lotta allo scudetto, in una domenica in cui crolla completamente il fattore campo. Sorride anche il Sassuolo: con una partita da recuperare, gli uomini allenati da Eusebio Di Francesco sono in piena bagarre per un posto in Europa!





Solo il Carpi riesce a conquistare i tre punti tra le mura amiche in questa giornata conclusiva del girone d’andata del campionato italiano di calcio 2015-16, che vede il Napoli conquistare il titolo di Campione d’Inverno, traguardo certamente platonico, ma due volte su tre foriero di grandi soddisfazioni quando maggio entra nel vivo. Gli uomini allenati da Maurizio Sarri si stanno distinguendo per una grande continuità di rendimento e risultati, certamente insospettata ad inizio stagione, quando più di qualcuno storceva il naso all’ombra del Vesuvio, per i mancati botti di mercato. La squadra, invece, ha acquisito una propria fisionomia e, cosa più importante, una notevole solidità mentale, che la porta a reagire nel modo più appropriato ai momenti di difficoltà. Il tutto ruota attorno a Gonzalo Higuain, in questo momento l’unico vero top player presente nel campionato italiano, l’uomo capace di capitalizzare l’enorme mole di gioco proposta dalla squadra.
Nel girone di ritorno i campani dovranno fare i conti con la solidità dell’Inter e, soprattutto, con la Juventus. Dopo la falsa partenza, la squadra allenata da Massimiliano Allegri ha trovato la quadratura del cerchio, infilando una serie di vittorie che l’ha portata a due soli punti dalla vetta. Fondamentale sarà capire se i bianconeri riusciranno a mantenere questo passo anche nel girone di ritorno. Se così, nel volgere di qualche settimana (in cui Buffon e compagni affronteranno tra le mura amiche Roma, Inter e Napoli) anche questo torneo di Serie A sarà bello e terminato, con la “vecchia Signora”in dolce attesa di cucire lo scudetto sulle maglie per la quinta volta consecutiva, come avvenne negli anni Trenta con i vari Monti, Orsi, Cesarini, combi, Rosetta e Caligaris. In caso contrario, proprio il Napoli ci sembra la squadra più attrezzata per iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro: troppo povera di gioco l’Inter, troppo fragile la Fiorentina, sebbene capace di scrivere stupende pagine di calcio, troppo allo sbando la Roma, nonostante solo 7 punti da recuperare e, soprattutto, nonostante un organico di prim’ordine. Nella Capitale, però, nessuno crede più nel progetto tecnico, mentre la squadra gioca in un ambiente ostile, non certo d’aiuto per tentare ciò che, invece, è riuscito alla Juventus.
Tra queste squadre si sta inserendo il Sassuolo, sempre più realtà di livello in questo campionato, nonostante la partenza di qualche ottimo elemento in estate. In Emilia si vola basso, ma, alla luce dei recenti risultati, non ultima la vittoria in casa dell’Inter, campo da dove erano soliti tornare con sette reti al passivo, gli uomini del Presidente Squinzi dovranno cominciare a modificare i propri piani verso l’alto.
Dal novero delle squadre di vertice manca il Milan: ancora una volta i rossoneri vivono in un autentico limbo tecnico, nonostante gli ingenti investimenti estivi. Mihajlovic non è ancora riuscito a dare una fisionomia ad una squadra, per altro composta da giocatori interessanti, soprattutto in prospettiva. Trovasse la quadratura del cerchio, la formazione milanista potrebbe rivelarsi una variabile impazzita nella fase discendente di questo campionato: non certo per la conquista dello scudetto, ma sicuramente per raggiungere almeno un posto in Europa.

LASCIA UN Commento