VENERDÌ 27 GIUGNO – GIOVEDÌ 3 LUGLIO: RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

VENERDÌ 27 GIUGNO

Primo giorno di pausa in vista degli ottavi di finale del mondiale di calcio 2014, con la truppa delle contendenti ridotta a 16 formazioni. Tra loro non c’è l’Italia, già rientrata da un giorno tra polemiche, dimissioni e “scarica barili” (in realtà uno scarica-Balotelli). In tutto questo i giocatori sono rientrati tra l’indifferenza generale.
Atmosfera ben diversa si respira a Montevideo, dove il solo Luis Suarez (solo omonimo del grande regista dell’Inter anni sessanta) ha fatto ritorno da solo in patria dopo la maxi squalifica rimediata a seguito del morso rifilato all’azzurro Chiellini. La gente lo accogle come un eroe nazionale e, tra loro, c’è anche il Presidente della Repubblica uruguayana Mushika, quello che dovrebbe essere preso ad esempio da tutti i politici, per girare in sandali, per vivere con mille euro al mese (lì un operaio ne guadagna comunque un quinto) e per aver liberalizzato l’uso della mariuana.

Sabato 28 giugno: I RISULTATI DI GIORNATA

BRASILE – CILE 4-3 d.c.r.
RETI: 18′ David Luis, 35′ Sanchez (CI)

COLOMBIA – URUGUAY 2-0
RETI: 28′ e 50 Rodríguez

Parte la fase ad eliminazione diretta e, così come avvenuto per l’intera manifestazione, tocca ai padroni di casa l’onore di aprire le danze. L’avversario è uno di quelli tosti: il Cile ha il merito di non crollare dopo il gol del difensore David Luis, pervenendo al pareggio con Alexis Sanchez. I brasiliani attaccano, vanno anche in gol nella ripresa, ma il direttore di gara annulla la rete di Ulk. Alla fine sono supplementari e rigori, che vedono ergersi a protagonista assoluto il portiere Julio Cesar, il quale riscatta le topiche prese nei quarti di finale del 2010 contro l’Olanda.

Con la nazione ospitante in festa, scendono in campo Colombia ed Uruguay. Gli uomini allenati da Tabarez, giustizieri dell’Italia, sono evidentemente scossi dalla vicenda Suarez ed incassano la doppietta del colombiano James Rodríguez, autentica sorpresa della manifestazione.

Domenica 29 giugno – I RISULTATI DI GIORNATA

zOLANDA – MESSICO 2-1
RETI: 48′ dos Santos (ME), 87′ Sneijder, 90+3′ Huntelaar rig.

COSTA RICA – GRECIA 6-4 d.c.r.
RETI: 52′ Ruiz, 90+1′ Papastatopoulos (GR)

proseguono gli ottavi di finale con partite tese ed equilibrate. Nel pomeriggio italiano l’Olanda soffre maledettamente contro il Messico, ma nei minuti finali Sneijder ed Huntelaar – questi trasformando un calcio di rigore a tempo ampiamente scaduto – tengono alto l’onore della “vecchia Europa”.
In serata prosegue il sogno del Costa Rica, passato in vantaggio sulla Grecia con Ruiz, il cui gol è impattato al 91′ dall’ex milanista Papastatopoulos. I calci di rigore, poi, promuovono i giustizieri della nazionale azzurra.

Lunedì 30 giugno – I RISULTATI DI GIORNATA

FRANCIA – NIGERIA 2-0
RETI: 79′ Pogba, 90+1′ aut. Yobo

GERMANIA – ALGERIA 2-1 d.t.s.
RETI: 92′ Schurrle, 120′ Ozil, 121′ Djabou (AL)

Europa contro Africa è il programma del terzo giorno di partite delgi ottavi di Finale del mondiale 2014! Nel pomeriggio italiano la Francia soffre per 80 minuti prima di avere ragione della resistenza della Nigeria. Ancor peggio va alla Germania. L’Algeria inchioda i tedeschi sullo 0 a 0 per tutti e novanta i minuti regolamentari. Chissà quanti tedeschi sono andati con la memoria ad oltre trent’anni fa, quando gli africani riuscirono nell’impresa di battere Rummenigge e compagni per 2 a 1! L’epilogo, nei tempii supplementari è diametralmente opposto: Schurle ed Ozil portano il punteggio sul 2 a 0, prima della rete finale algerina che dà pathos agli ultimi istanti di una partita dura e combattuta.

Martedì 1 luglio – I RISULTATI DI GIORNATA

ARGENTINA – SVIZZERA 1-0 d.t.s.
RETI: 118′ Di Maria

BELGIO – STATI UNITI 2-1 d.t.s.
RETI: 93′ De Bruyne, 105′ Lukaku, 106′ Green (US)

Dopo la bella vittoria sulla Nigeria, l’Argentina sperava di ripetere l’impresa contro la Svizzera, passata si ai quarti, ma dopo averne incassati 5 dalla Francia. Gli elvetici, invece, erigono un autentico muro davanti alla porta, impensierendo più volte Messi e soci. Si arriva ai supplementari, nei quali un lampo di genio di Di Maria evita ai suoi la roulette dei calci di rigore.
Manca l’ultima squadra ammessa ai quarti. Si affrontano il Belgio e gli Stati Uniti. Per la prima volta nella storia l’evento è davvero sentito anche nella nazione a stelle e strisce. Gli uomini allenati da Klinsmann ribattono colpo su colpo alle giocate dei belgi, i quali risolvono il match nel primo tempo supplementare. La rete dell’americano Green regala pathos al secondo overtime, nel quale sfiorano il pareggio, ma i belgi accedono al turno successivo.

Ci sono due giorni di pausa in vista dei quarti. Nel frattempo in Italia continua il toto allenatore azzurro e il toto presidente federale, con gente pronta a chiamarsi fuori, mentre Cesare Prandelli trova un ingaggio multi-milionario al Galatasaray.

LASCIA UN Commento