GIOVEDÌ 26 GIUGNO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

GIOVEDÌ 26 GIUGNO

STATI UNITI – GERMANIA 0-1
RETI: 55′ Müller T.

PORTOGALLO – GHANA 2-1
RETI: 31′ aut. Boye, 57′ Asamoah G. (GH), 80′ Ronaldo C

CLASSIFICA: GERMANIA 7; STATI UNITI e Portogallo 4; Ghana 1.

ALGERIA – RUSSIA 1-1
RETI: 6′ Kokorin, 60′ Slimani (AL)

COREA DEL SUD – BELGIO 0-1
RETI: 78′ Vertonghen

CLASSIFICA: BELGIO 9; ALGERIA 4; Russia 2; Corea del Sud 1.

Anche l’ultimo italiano lascia il mondiale. Fabio Capello, il tecnico nostrano più titolato in attività (dopo Giovanni Trapattoni) viene eliminato assieme alla sua Russia, costretta al pareggio dall’Algeria, diventata così la seconda squadra africana ad accedere a primo turno della fase ad eliminazione diretta. Il successo in champion’s di Carlo Ancelotti alla guida del Real Madrid rimane pertanto l’unico vanto del nostro calcio, in ritardo sia sotto il profilo tecnico (e non è la prima volta), sia sotto quello tattico: e qui sta proprio la novità vera e preoccupante! Tatticamente le formazioni italiane (o dirette da italiani) hanno ottenuto sempre risultati lusinghieri, in virtù di una migliore organizzazione di gioco, cosa che, a forza di scimmiottare modelli stranieri, è andata persa.

Nel frattempo il Belgio diventa la quarta squadra a qualificarsi a punteggio pieno, dopo il successo sulla Corea del sud.

Le partite del girone H sono state precedute dal successo della Germania sugli Stati Uniti, i quali passano il turno grazie alla miglior differenza reti nei confronti del Portogallo (inutile il gol vittoria di Cristiano Ronaldo sul Ghana), il quale paga caramente proprio la débâcle nella partita d’apertura contro la Germania.

LASCIA UN Commento