MARTEDÌ 17 GIUGNO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

I RISULTATI DI GIORNATA

BELGIO – ALGERIA 2-1
RETI: 25′ Feghouli (AL), 71′ Fellaini, 79′ Mertens

BRASILE – MESSICO 0-0

RUSSIA – COREA DEL SUD 1-1
RETI: 68′ Keun Ho Lee, 74′ Kerzhakov (RU)

Con l’esordio delle formazioni inserite nel gruppo H, si chiude la prima giornata virtuale della fase a gironi del mondiale 2014. Si prosegue nel solco tracciato fin dalla partita d’esordio tra Brasile e Croazia: partite dall’esito mai scontato, nemmeno quando si tratta di larghi successo: sfidiamo chiunque a pronosticare alla vigilia i tonfi di Spagna e Portogallo contro Olanda e Germania!
Ieri, la giornata di gare inizia col successo più che sofferto del Belgio contro l’Algeria, dove gli africani hanno tenuto in scacco i giovani allenati da Wilmots per oltre un’ora. Nella prima serata italiana, poi, si assiste all’inizio della seconda tornata di partite, col Messico, trascinato dalle prodezze del portiere Ochoa (praticamente scaricato dall’Aiaccio) capace di inchiodare il Brasile sullo 0 a 0. La formazione centro americana, tra l’altro, ha avuto pure un paio di ghiotte occasioni per fare il “colpaccio”; Hernandez, in particolare, è andato vicino alla rete che avrebbe gettato nella disperazione l’intero popolo verde-oro, quando non finalizza un contropiede ormai a tempo scaduto, favorito dagli assalti degli uomini di Scolari, catapultatisi in avanti alla ricerca del successo. La smania di vittoria a tutti i costi avrebbe giocato ancora una volta un brutto scherzo ai brasiliani ai quali, probabilmente, le lezioni storiche (Uruguay 1950 ed Italia 1982) sembrano non fare particolarmente effetto!

C’è un po’ d’Italia a mezzanotte: esordisce la Russia guidata da Fabio Capello. Per oltre un tempo la partita prosegue sul filo dell’equilibrio, rotto da un’incredibile topica del portiere Akinfeev, con la Corea del Sud che ringrazia e passa all’incasso. E dire che parliamo della nazione che ha visto tra i suoi pali gente che si chiama Yashin e Dasaiev, ma anche per loro “è passato il tempo che fu!” Il friulano di Pieris deve avver lavorato bene sulla testa dei suoi, che reagiscono e in cinque minuti rimettono tutto a posto, ma alla fine è pareggio, col Belgio primo nel proprio girone.

Ora, tutto viene messo nuovamente in discussione, con partite dalle quali emergeranno già i primi verdetti!

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.