LUNEDÌ 16 GIUGNO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

I RISULTATI DI GIORNATA

SVIZZERA – EQUADOR 2-1
RETI: 25′ Valencia E. (EQ), 48′ Mehmedi, 90+3′ Seferovic

FRANCIA – HONDURAS 3-0
RETI: 45′ Benzema, 49′ aut. Valladares, 73′ Benzema

ARGENTINA – BOSNIA ERZEGOVINA 2-1
RETI: 3′ aut. Kolasinac, 65′ Messi, 85′ Ibisevic (BO)

La quarta giornata di gare del Campionato Mondiale di Calcio 2014 (almeno per quanto riguarda l’Italia) vive sulle emozioni della bella vittoria conseguita dai ragazzi allenati da Cesare Prandelli contro l’Inghilterra. Intanto il calendario propone altre tre partite: nella prima la Svizzera, in rimonta, supera l’Equador, in una partita che sa tanto di spareggio per l’accesso al turno successivo, alla luce della pochezza espressa dall’Honduras contro la Francia, trascinata al successo da Karim Benzema. Di questa partita, però, rimarrà la bagarre causata dal malinteso attorno alla seconda rete transalpina: dopo il palo colpito dal centravanti in forza al Real Madrid, il nuovo dispositivo segnala immediatamente la marcatura al direttore di gara, ma sul tabellone compare la scritta “no goal”. Lo stadio insorge, l’arbitro si consulta col quarto uomo, il quale conferma il 2 a 0 in favore degli uomini di Deschamps. Le immagini, poi, fugheranno ogni dubbio circa la legittimità della decisione presa: con qualche apprensione, la tecnologia ha evitato un clamoroso errore.

Nella notte italiana, l’attenzione si sposta a Rio, dove l’Argentina di Messi esordisce contro la Bosnia, matricola al mondiale. C’è curiosità nel vedere Lionel Messi, solitamente devastante con la maglia del Barcellona, ma ininfluente quando si tratta di vestire quella albi-celeste in una competizione che conta. La “pulce”, invece, segue l’esempio degli altri grandi campioni presenti in questa rassegna, e alla metà del secondo tempo regala al pubblico una grandissima giocata, con la quale mette in cassaforte il successo per i suoi.
A questo punto non rimane altro che attendere l’esordio nel mondiale di Cristiano Ronaldo, opposto alla nouvelle vague tedesca, in una delle partite più jspettacolari di questa prima fase, mai così interessante come quest’anno!

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.